Considerare i migranti una risorsa, non un problema

COMUNICATO STAMPA MIGRANTI – CAMPAGNA VOCI DI CONFINE: “CONSIDERARE MIGRANTI UNA RISORSA, NON UN PROBLEMA”

“Vorremmo che le persone migranti fossero viste come una risorsa: i dati e le statistiche ci dicono questo – dichiara Renata Torrente, referente della campagna Voci di Confine per Amref -. Voci di Confine è nata proprio con l’obiettivo di narrare le migrazioni come una “bella storia”. D’altra parte i numeri del fenomeno ci dicono questo: in Italia dai migranti abbiamo ricevuto più di quanto abbiamo speso nei progetti di integrazione. 9 miliardi di contributi versati e 2 miliardi di utili netti prodotti dai lavoratori immigrati nel nostro Paese solo nel 2015. Lo stesso discorso vale per le rimesse, le imprese gestite da stranieri (570mila attività nel 2017), in continua crescita, e i matrimoni misti, che sono oltre il 9 per cento del numero totale di unioni.

Invece di parlare di un’invasione che non c’è stata andrebbero messe a valore le opportunità: il pluralismo religioso, ad esempio, è uno strumento di pace che andrebbe implementato e non ostacolato. Chiediamo alla politica di dare risposte concrete a un trend che è già una realtà, a persone che vivono in Italia e che qui molto probabilmente continueranno ad abitare: è il caso degli 800mila alunni stranieri, ad esempio, il 55 per cento dei quali è nato nel nostro Paese. 15.779 minori non accompagnati sono arrivati in Italia nel 2017: anche a loro vanno garantiti diritti, come a tutti i bambini. C’è un solo dato che ci preoccupa ed è l’aumento degli episodi di razzismo ed intolleranza: 7 casi di discriminazione ogni giorno, nel 2016, secondo l’Unar. Per questo ci poniamo come obiettivo quello di contrastare pregiudizi e stereotipi con dati, fatti e storie concrete.

Quanto all’immigrazione irregolare, è importante ricordare che esiste un’alternativa legale e sicura che è già stata praticata con successo in Europa e permette alle persone di emigrare in condizioni di sicurezza: i corridoi umanitari. La realtà che vogliamo raccontare è che il fenomeno migratorio rappresenta una possibilità di crescita, non solo per chi parte ma anche per chi accoglie”.

16 maggio 2018

Cofinanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, il progetto Voci di Confine (www.vocidiconfine.com) è nato dall’esperienza di 16 organizzazioni impegnate nella difesa dei diritti umani, enti locali di confine impegnati ogni giorno nella gestione del fenomeno migratorio, associazioni delle diaspore e di volontariato, imprese sociali, enti di ricerca ed esperti della comunicazione: Amref Health Africa – Italia Onlus, Amref Health Africa Headquarters, Africa e Mediterraneo, Associazione Le Réseau, Centro Servizi Volontariato Marche, Centro Studi e Ricerche Idos (IDOS), Comitato Permanente per il Partenariato Euromediterraneo (COPPEM), Comune di Lampedusa, Comune di Pesaro, Etnocom, Internationalia, Provincia Autonoma di Bolzano, Regione Puglia, Rete della Diaspora Africana Nera in Italia (REDANI), Step4, Terre des Hommes Italia.