African Summer School, al via la sesta edizione, a Venezia dal 17 luglio

Martedì 17 luglio 2018 alle 16.00 a Venezia presso l’Auditorium del Centro Culturale Card. Urbani, sarà inaugurata la sesta edizione dell’African Summer School Italy promossa dall’Associazione REDANI – Rete della Diaspora Africana Nera in Italia – insieme con
l’Associazione Africasfriends ed Afroconnessioni.
“Vogliamo offrire ai partecipanti di questa cerimonia un’occasione non solo istituzionale, ma anche di crescita culturale. Avremo il piacere di iniziare la cerimonia con una performance musicale del Coro Gospel “Soul Liberation” prima di proseguire con gli interventi istituzionali e le relazioni degli esperti attorno al tema delle sfide dell’Afro-business in Italia ed in Europa e del ruolo dei giovani nelle nuove relazioni economiche tra l’Europa e l’Africa. Il nostro auspicio è che attorno a questo tema nasca un dibattito serio con i presenti”, sottolinea Ekutsu Mambulu, Direttore dell’African Summer School Italy.
Alle lezioni che inizieranno il 18 luglio, sempre nel Centro Culturale Card. Urbani, parteciperanno 18 studenti, di cui due provenienti dall’estero e precisamente dal Marocco e dalla Francia. Il programma formativo assicura la presenza di uno Staff di 9 persone, composto da professori, traduttori e membri della direzione della scuola.
“Le sfide del Rinascimento africano e della ricostruzione dell’immaginario africano”: attorno a queste tematiche sarà sviluppato il seminario formativo di più di 30 ore che mira anche ad offrire ai partecipanti strumenti conoscitivi per la concezione ed il lancio dei loro progetti sociali o di business, tramite corsi di business-design e di progettazione sociale.
Saranno nuovamente presenti alla Summer School il Prof. Jose do-Nascimento, che svilupperà una didattica nuova attorno al tema del “Rinascimento Africano” e il Prof. Venance Sinsin, che invece approfondirà la tematica della ricostruzione dell’immaginario africano. Ospiti e relatori dei workshop, di presentazione di libri e delle conferenze saranno, tra gli altri, Natou Pedro Sakombi
(Reines & Héroïnes d’Afrique), Patience Ngoba Mushidi (thepattysways.com), Christelle Kedi, Domenico De Vivo (Fondazione Grameen Italia), Martino Ghielmi (Vadoinafrica.com), Cleophas Adrien Dioma (Ottobre africano).

African Summer School Italy, nata nel 2013 a Verona, vuole accompagnare giovani, africani, afro-discendenti e tutte le persone interessate, attraverso un percorso di educazione culturale e imprenditoriale, riconnettendoli al sapere africano. L’obiettivo è unire gli aspetti culturali a quelli economici, il sapere al saper fare, all’interno di un percorso educativo volto a valorizzare l’imprenditorialità e l’iniziativa personale nell’ambito di uno sforzo collettivo “rinascimentale” che  appartiene a tutto il continente africano. Per raggiungere i suoi obiettivi, la scuola offre una settimana di lezioni frontali con una didattica interculturale, di networking e di scambio culturale.
La formazione in aula è seguita da un periodo di 3 mesi di lavoro personale o di gruppo, volto all’approfondimento ulteriore degli argomenti trattati o allo sviluppo di un progetto socioimprenditoriali personali o di gruppo. I progetti imprenditoriali selezionati saranno premiati all’interno del concorso Business Incubator 4 Africa, che mira a ricompensare le migliori idee di business e accompagnarle durante l’implementazione.
Grazie al coinvolgimento di una decina di partner importanti tra cui lo sponsor RIA Money Transfer, il partner Tecnico Digital Network, il CONNGI (Coordinamento nazionale nuove generazioni italiane) e la Fondazione Grameen Italia che farà da incubatore dei migliori progetti di business che saranno presentati dagli studenti al termine del percorso educativo, sarà possibile offrire questo anno una formazione di qualità nell’ambito di cinque giorni di approfondimento e di scambio tra studenti e docenti, celebrando lo spirito critico, l’entusiasmo e il pensiero divergente.

FOCUS SUL “RINASCIMENTO AFRICANO”
«Il Rinascimento africano verrà dai dissidenti africani, seguendo l’esempio di Giordano Bruno, ovvero l’esempio di uomini e donne capaci di formarsi inesorabilmente, al di fuori dei sentieri tracciati dal sistema, allo scopo di avere finalmente l’intelligenza di entrare in ribellione culturale e indicare la vera strada del progresso umano in Africa». Jean Paul Pougala

Per maggiori informazioni:
africansummerschool.it@gmail.com
www.africansummerschool.org
redaniprogetti@gmail.com